Coltivare i Ceci

Coltivare i Ceci

Famiglia: Fabacee o Leguminose
Specie: Cicer arietinum

La coltivazione della pianta di cece risale addirittura all’antica età del bronzo 3000 anni prima di Cristo in Iraq. I ceci sono un piatto prelibato protagonista di numerose ricette anche esotiche: le preparazioni con questo legume sono spesso di origine mediorientale ma sono assai in voga anche in occidente, come le prelibate felafel, polpette realizzate con il suo impasto, e l’hummus, ovvero ceci schiacciati con semi di sesamo, aglio, limone e olio. Gustosissima anche la classica ricetta italiana pasta e ceci, conosciuta anche nella variante salentina ciceri e tria e altre squisite ricette tradizionali, come il purè di ceci, la zuppa di ceci con frutti di mare e deliziosi sfornati da preparare con la farina di questo legume, ottima alternativa alla farina di frumento. I ceci in orto coltivati con l’humus di lombrico sono un alimento veramente energetico, ricco di proteine vegetali e quindi indicato nelle diete vegetariane e agli sportivi. Grazie alla presenza di acidi grassi omega 3 e di saponine, i ceci sono validi alleati del sistema cardiovascolare, nella regolazione della pressione arteriosa e dei livelli di colesterolo buono.  Coltivare piante di ceci in modo biologico e sano nel proprio orto, con l’utilizzo di concime naturale, come humus di lombrico, permette di assumere in tutta la sua efficacia l’acido folico, una sostanza che aiuta a mantenere bassa l’omocisteina,  un aminoacido del sangue che, se in eccesso, aumenta il rischio di ictus e infarto.  L’adattabilità di questa pianta la rende di facile coltivazione, permettendole di crescere in ambienti secchi o freddi e anche sulle alture montuose fino ad una certa altezza: solo durante la germinazione occorre evitare temperature troppo basse. Vediamo come coltivare nell’orto piante di ceci rigogliose e forti a servizio della propria migliore cucina:

  • Procurarsi della semplice terra di campo, solamente arricchita con concime naturale, come humus di lombrico;
  • Mescolare la terra con humus, nella misura 70-80 % di terra e 20-30% di humus, in modo da procurare tutti gli elementi nutritivi necessari alla pianta, secondo i principi base della coltivazione in vaso;
  • Interrare tre semi per buca a una profondità di 4-6 cm, mantenendo 30 o 40 cm di distanza tra le file;
  • Occorre irrigare poco la pianta di cece, evitare anzi di mantenere la terra umida e i ristagni d’acqua. Il cece con le sue radici profonde, che possono arrivare anche a due metri, prende da solo i nutrienti dalla terra;
  • Assicurare alla pianta un po’ di ore di luce solare.

 

A distanza di 4 o 6 mesi dalla semina è possibile gustare pienamente tutta la bontà di questo salutare legume.

 

Se si vuole, successivamente utilizzare lo stesso vaso, si consiglia di coltivare un altro tipo di pianta, aggiungendo solo un 10% di concime naturale

Tags

Lascia una risposta

Your email address will not be published.

top