Coltivare il Basilico

_basilicoL

Coltivare il Basilico

Famiglia: Lamiaceae 
Specie: Ocimum basilicum

Significa letteralmente “pianta reale”, il basilico coltivato,  pianta erbacea annuale originaria dell’Asia, ma divenuta nel tempo uno dei simboli della buona cucina mediterranea. Sicuramente questa pianta aromatica è anche una delle “regine” del proprio orto in vaso, con il suo aroma decisamente pungente che esalta il sapore di molte pietanze, come sughi e brodi, e dona, con il bel verde sgargiante delle sue foglie e i fiori bianchi o rossi, un ambiente fresco e soave in qualsiasi balcone e giardino. La coltivazione in vaso del basilico, trattato unicamente con concime naturale, è necessaria per avere questo prodotto fresco sempre a disposizione: le piante di basilico, infatti, crescono abbastanza in fretta, in meno di un mese e hanno una straordinaria capacità di replicare spesso i propri germogli, assicurando, in questo modo, al tuo orto in vaso del profumatissimo basilico coltivato per tutto il corso dell’anno, ovviamente se annaffiato  con il giusto dosaggio di acqua e se concimato regolarmente con il proprio humus di lombrico. Sotto il profilo nutrizionale, il basilico coltivato contiene vitamina A, magnesio, potassio, fosforo, calcio. Questa pianta aromatica ha una potente azione antinfiammatoria su raffreddori e riduce o elimina totalmente reumatismi grazie all’eugenolo, la sostanza caratterizzante che le conferisce il tipico odorefavorisce la digestione e il lavoro intestinale, stimola l’appetito, rafforza il sistema nervoso, ha un effetto rilassante sui disturbi d’ansia e nervosismo, attenua il fastidio delle punture di insetti. è molto ricco di antiossidanti che bloccano lo stress ossidativo di pelle e tessuti: l’olio essenziale o le maschere fatte in casa con basilico fresco esaltano la lucentezza della pelle. Il basilico coltivato nell’orto in vaso di casa propria è anche un buon medicamento contro i gonfiori articolari e ossei e per ridurre occhiaie e borse sotto gli occhi. La garanzia dei risultati, viene data, ovviamente, dal grado di naturalezza e freschezza del proprio basilico in vaso, ricordando che la terra non deve mai essere contaminata con agenti chimici ma esclusivamente con concime naturale, come l’efficace humus di lombrico. Ecco i passaggi della sua coltivazione in vaso:

  • Il basilico può essere seminato durante tutto l’anno nelle zone più calde e miti. Non tollera temperature troppo basse e gelate;
  • Il vaso deve avere una profondità di circa 30 cm, posizionandolo alla luce non diretta del sole nelle ore più calde;
  • Procurarsi della semplice terra di campo, solamente arricchita con concime naturale, come humus di lombrico;
  • Mescolare la terra con humus di lombrico, nella misura 70-80 % di terra e 20-30% di concime naturale, in modo da procurare tutti  gli  elementi  nutritivi  necessari  alla  pianta,  secondo  i  principi  base  della coltivazione in vaso;
  • Irrigare nelle ore meno calde della giornata con la giusta quantità di acqua la pianta aromatica in vaso: la terra deve essere umida al punto giusto, mai bagnataper assicurare un corso di via più durevole al basilico coltivato;
  • tagliate i fiori sulla sommità del basilico in vaso, per evitare che la pianta indurisca e per favorire un ciclo di vita più duraturo;
  • Da sconsigliare vivamente l’uso di contaminanti chimici per eventuali malattie del basilico coltivato: il solo concime naturale, come humus di lombrico, e la terra bastano a far crescere la pianta in vaso in salute e bellezza.

Se  si  vuole,  successivamente  utilizzare lo  stesso  vaso,  si  consiglia  di  coltivare  un  altro  tipo  di  pianta, aggiungendo solo un 10% di concime naturale

Tags

Lascia una risposta

Your email address will not be published.

top