Coltivare Indivia

Coltivare Indivia

Famiglia: Asteraceae
Specie: Cichorium endivia

L’invidia coltivata è un esemplare di ortaggio molto diffuso del bacino del Mediterraneo e si compone di tantissime varietà, da avere l’imbarazzo della scelta per la sua coltivazione nel proprio orto in vaso. Quelle più coltivate sono senza dubbio la nota scalora, dalle foglie più lisce,  l’insalata riccia e la croccante indivia belga o cicoria di Bruxelles, così chiamata perché scoperta “per caso” nel 1850 in Belgio da un contadino che provò a coltivare dei cespi di cicoria in una grotta umida e buia. La gustosa indivia coltivata è la protagonista dei propri contorni e condimenti crudi o cotti e può essere coltivata in vaso con l’humus di lombrico per poter assimilare tutti i preziosi sali minerali di cui è ricca, sia per proteggere il proprio organismo e che per aumentare le difese immunitarie prima del freddo inverno, periodo in cui si procede alla sua raccolta. Pur con un modestissimo apporto calorico, l’indivia coltivata è una buona fonte di acqua e fibre, utilissime per agevolare il transito intestinale, potassio, ferro, calcio, un ottimo concentrato di carotenoidi e vitamina C, vitamina B2, utile  a salvaguardare l’integrità della pelle, unghie, occhi e del sistema nervoso, vitamina PP, essenziale per la sintesi degli ormoni sessuali, del cortisone e dell’insulina. Ecco come coltivare delle stupende piante di indivia nel proprio orto in vaso con l’aiuto dell’humus di lombrico:

  • Fornirsi di un vaso capiente, preferibilmente rettangolare;
  • Procurarsi della semplice terra di campo, solamente arricchita con concime naturale, come humus di lombrico;
  • Mescolare la terra con humus di lombrico, nella misura 70-80 % di terra e 20-30% di humus, in modo da procurare tutti  gli  elementi  nutritivi  necessari  alla  pianta,  secondo  i  principi  base  della coltivazione in vaso;
  • La semina dell’indivia coltivata si effettua da luglio a fine settembre a seconda della varietà, ma può essere eseguita tutto l’anno, se si difende la pianta dalle temperature troppo fredde e dalle gelate. In genere l’indivia riccia è meno resistente al freddo;
  • Disporre i semi a spaglio in modo uniforme su tutta la terra del vaso dopo averla inumidita;
  • Il terreno va mantenuto sempre umido. In caso di piogge frequenti non è necessario annaffiare. Dopo circa una settimana spuntano le prime piantine di invidia coltivata;
  • Con l’humus di lombrico si tutela la pianta di invidia coltivata dall’attacco degli insetti. Prestare solo attenzione all’eventuale sviluppo di piante infestanti che vanno rimosse strappandole dalla terra;
  • Dopo tre o quattro mesi si possono finalmente preparare i propri gustosi contorni con la nutriente indivia coltivata.

Se  si  vuole,  successivamente  utilizzare lo  stesso  vaso,  si  consiglia  di  coltivare  un  altro  tipo  di  pianta, aggiungendo solo un 10% di concime naturale

Tags

Lascia una risposta

Your email address will not be published.

top