Coltivare la Menta

menta2

Coltivare la Menta

Famiglia: Labiate
Specie: Mentha

 

Riconosciuta dagli antichi Egizi e dai Greci, che la adoperavano prevalentemente in cucina, la menta coltivata è una pianta aromatica perenne dal profumo balsamico irresistibile. Esteticamente graziosa, con i suoi fiori tendenti al rosa ed al violaceo, la sua coltivazione in vaso con concime naturale è finalizzata non solo al suo consumo quotidiano come pianta aromatica per insaporire ricette, ma anche a fini terapeutici, sotto forma di tisane e estratti. La menta fresca e trattata unicamente con concime naturale ha proprietà diuretiche, antispasmodiche, decongestionanti e fluidificanti, viene utilizzata per combattere mal di testa, gastrite, spasmi dolorosi a stomaco e intestino. È un ottimo rimedio naturale in caso di mal d’auto, per combattere nausea e vomito, è un efficace antibatterico e un rinfrescante per la bocca nei casi di alitosi. Molti gli usi domestici di questa preziosa pianta aromatica, utilizzata sia diluita nell’acqua di lavaggio come germicida che come profumatore d’ambiente, e i suoi usi cosmetici, per rinfrescare e ammorbidire la pelle. Interessantissimo il profilo nutrizionale della menta coltivata con metodi naturali, come humus di lombrico: oltre al mentolo sostanza funzionale di base impiegata anche nella pulizia del cavo orale, contiene anche calcio, potassio, magnesio, ferro, fosforo, proteine, fibre, manganese, rame, sodio, vitamine, polifenoli e aminoacidi. La menta in vaso tollera molto bene sia il caldo che il freddo: per la sua coltivazione in vaso si può utilizzare, al posto dei semi, il metodo della talea, ovvero un rametto tagliato e sistemato nella terra già predisposta con l’humus di lombrico nel vaso:

  • Disponete il vaso, preferibilmente in terracotta, del diametro di 45 centimetri. Evitare di piantare la menta insieme ad altre piante aromatiche perché è una pianta infestante;
  • La menta preferisce crescere in zone ombreggiate;
  • Procurarsi della semplice terra di campo, solamente arricchita con concime naturale, come humus di lombrico;
  • Mescolare la terra con humus di lombrico, nella misura 70-80 % di terra e 20-30% di humus, in modo da procurare tutti  gli  elementi  nutritivi  necessari  alla  pianta,  secondo  i  principi  base  della coltivazione in vaso;
  • Annaffiare periodicamente in base al clima senza bagnare le foglie per non far evaporare gli oli essenziali ed evitare i ristagni idrici che farebbero ammuffire la pianta

Se  si  vuole,  successivamente  utilizzare lo  stesso  vaso,  si  consiglia  di  coltivare  un  altro  tipo  di  pianta, aggiungendo solo un 10% di concime naturale

Tags

Lascia una risposta

Your email address will not be published.

top