Fresia

mazzolino-fresie-48

Fresia

Famiglia: Iridacee
Specie: Tulipa

La fresia è un bel fiore da regalare ma anche una perfetta pianta da coltivare in vaso originaria del Sudafrica, molto diffusa nel Mediterraneo, la cui storia si perde nella notte dei tempi. Proprio il mistero che circonda l’origine di questo fiore ancora oggi affascina e incuriosisce, tanto che regalare fresie è spesso associato ad un segreto che si vorrebbe rilevare ad una persona.  La fragranza intensa della fresia lo rende un fiore molto particolare, che riporta alla mente un mondo meraviglioso dalle arcane origini: secondo l’antica saggezza popolare, coltivare fresie in vaso o nel giardino di casa propria apriva le porte ad un mondo fantastico popolato da spiriti buoni e fate. Portare in dono fresie comunica un profondo segreto nascosto, come se i suoi petali dai nitidi colori, che si chiudono come campanellini, contenessero il mistero della vita, dell’amore, e dell’amicizia. Quando si regalano fresie si vuole anche gratificare un amico sincero, comunicare un amore platonico, ma anche nostalgia verso qualcuno. Per la loro dolce essenza, le fresie sono anche molo richieste come fiore da bouquet per matrimoni. Per dare un’atmosfera esotica e suggestiva ai propri spazi verdi, si può coltivare le fresie in vaso o in giardino ed ottenere con l’humus di lombrico degli splendidi esemplari molto utilizzati per creare cespugli e aiuole :

 

  • Per la coltivazione in vaso della fresia, munirsi di un contenitore di 10 cm per bulbo;
  • Procurarsi della semplice a anche terra di campo, solamente arricchita con concime naturale, come humus di lombrico;
  • Mescolare la terra con humus, nella misura 70-80 % di terra e 20-30% di humus, in modo da procurare tutti gli elementi nutritivi necessari alla pianta, secondo i principi base della coltivazione in vaso;
  • Interrare i bulbi a circa 4 cm di profondità, mantenendo la punta verso l’alto;
  • Esporre in posizione luminosa o in semiombra la fresia;
  • Annaffiare frequentemente la fresia fino a fioritura.

 

Valentina Marra

Tags

Lascia una risposta

Your email address will not be published.

top