Sarracevia Flavia Pianta Carnivora

Sarracenia_2

Sarracevia lavia Pianta Carnivora

Famiglia: Sarraceniacee
Specie: Sarracevia flavia

 

La Sarracevia flavia è una pianta insettivora, dall’aspetto molto elegante e gentile originaria del Nord America: il suo nome celebra lo scienziato canadese Sarrazin, che per primo la studiò, mentre la dicitura “flavus” è di derivazione latina e significa letteralmente “biondo”, “giallo”. In primavera questa pianta ornamentale produce infatti dei deliziosi fiori di colore giallo o rossastro. Comprende 8 specie dal cui incrocio si possono creare un’infinità di ibridi naturali diversi. La trappola di questa pianta insettivora è costituita da ascidi tubolari, ovvero foglie arrotolate a forma di urna che raggiungono dai 50 ai 90 cm di altezza: all’interno degli ascidi si trova il nettare zuccherino dal profumo intenso, che attira la preda all’interno della pianta, impedendone la fuga. Gli ascidi della Sarracenia presenti nel periodo della fioritura dopo la primavera hanno dei colori spettacolari e servono anch’essi ad attirare gli insetti: durante l’autunno la pianta produce invece i caratteristici “phyllodia”, foglie non carnivore simili a delle vele. La Sarracevia flavia offre, comunque, per tutto l’anno uno spettacolo visivo eccezionale nel proprio orto in vaso o giardino domestico e con l’humus di lombrico è possibile ottenere degli esemplari meravigliosi di questa pianta ornamentale in grado di conferire bellezza ed armonia all’ambiente circostante:

  • Per la coltivazione in vaso, munirsi di un contenitore preferibilmente in plastica di circa 15cm di altezza;
  • Procurarsi della semplice terra di campo, solamente arricchita con concime naturale, come humus di lombrico;
  • Mescolare la terra con humus, nella misura 70-80 % di terra e 20-30% di humus, in modo da procurare tutti gli elementi nutritivi necessari alla pianta, secondo i principi base della coltivazione in vaso;
  • Si può seminare la pianta insettivora o partendo dai semi, lasciati sulla superficie della terra a contatto con il sole o staccando i rizomi dalla pianta madre;
  • La Sarracevia preferisce luoghi luminosi, dove c’è il sole diretto e al riparo dal vento. La luce solare è necessaria a conferire colori vivaci alla pianta ornamentale. Le temperature non dovrebbero superare i 38 gradi. È una pianta che si difende bene per brevi periodi anche dalle gelate;
  • È consigliabile mettere almeno due centimetri di acqua distillata o piovana (va bene anche quella del condizionatore) nel sottovaso di questa pianta ornamentale durante l’estate, evitando di innaffiarla dall’alto e stando attenti ai ristagni liquidi. Durante l’inverno, diradare le innaffiature, mantenendo però la terra ben umida.

 

Durante l’inverno, la Sarracevia flava entra in fase di riposo fino al prossimo risveglio primaverile.

 

Se si vuole, successivamente utilizzare lo stesso vaso, si consiglia di coltivare un altro tipo di pianta, aggiungendo solo un 10% di concime naturale

Tags

Lascia una risposta

Your email address will not be published.

top